Crea sito


1560 (1564). LE PATERNE VISSCERE

Mentre er Zor Papa in un viaggetto solo
Bbutta zecchini a ccanestrate sane,
Va' cc'uno strilli che jj'amanca er pane,
Sai c'arisponne lui? "Me ne conzolo."

Ah ttafino bbrodaro stracciarolo
Griscio leccascudelle scarzacane,
Che ssenz'arte n pparte ne le mane
Sei vienuto a ff a Rroma er dindarolo!

Questa l'aricompenza de l'avette
Steso le grinze de la sagra panza,
Che pprima te ggiucaveno a ttresette?

Ccus ce neghi eh, pallonaccio a vvento,
Inzino er mollicume, che tt'avanza
De quer pane che mmaggni a ttradimento?

1 giugno 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo