Crea sito

 

615 (617). LE LINGUE DER MONNO

Sempre ho ssentito a dd cche li paesi

Hanno oggnuno una lingua indifferente,

Che dda sciuchi l'impareno a l'ammente,

E la parleno poi per sse intesi.

 

Sta lingua che ddich'io l'hanno uguarmente

Turchi, Spaggnoli, Moscoviti, Ingresi,

Burrini, Ricciaroli, Marinesi,

E Ffrascatani, e ttutte l'antre ggente.

 

Ma nnun c' llingua come la romana

Pe dd una cosa co ttanto divario,

Che ppare un magazzino de dogana.

 

Per essempio noi dimo ar cacatore,

Commido, stanziolino, nescessario,

Logo, ggesso, ladrina e mmonziggnore.

 

Roma, 16 dicembre 1832             Der medemo

 

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo