Crea sito


749 (748). LE LEGGE

N de m n de t ssanno ste carte,
St'editti de gabbelle e ggiubbilei,
Ste ladrerie, sti ggiubbilate-dei
Dove er Papa v ssempre la su' parte.

Aveva ppi ggiudizzio Bbonaparte,
Che ssenza tanti ggiri e ppiaggnistei
Disceva ar monno: "Questo tocca a llei";
E bbuggiarava tutti a uso d'arte.

Er Papa ccerto una perzona dotta,
Ma 'ggnicuarvorta prubbica una legge,
Fa ccome la padella: o ttiggne, o scotta.

Ccus: Vviva er Pastor, viva la gregge,
Viva er cucchiere e ll'animal che ttrotta,
Viva chi scrive e bbuggiar cchi llegge.

Roma, 15 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo