Crea sito


1447 (1443). LE COSE DER MONNO

Er mormor d'Iddio, fijji mii bbelli,
la conzolazzione de li ssciocchi.
Le sorte hanno d'ann cco li fraggelli.
Chi rricco, e cchi sse gratta li pidocchi.

Er Papa ajjuter li poverelli:
Un antro poi je caccerebbe l'occhi.
Er monno accus vva: ss ggiucarelli,
Cose de ggnente, affare de bbajocchi.

Che sserve ann ccontanno a una a una
Le furtune dell'antri? S pparole.
Ggnisuno ssazzio de la su' fortuna.

Fremma e ttempo, e nun zempre se diggiuna;
E cquanno che la notte nun c' ssole
Contentamose allora della luna.

20 gennaio 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo