Crea sito


640 (640). LE COSE CREATE

Ner monno ha ffatto Iddio 'ggni cosa deggna:
Ha ffatto tutto bbono e ttutto bbello.
Bono l'inverno, ppiù bbona la leggna:
Bono assai l'abbozzà, mmejjo er cortello.

Bona la santa fede e cchi l'inzeggna,
Più bbono chi cce crede in der ciarvello:
Bona la castità, mmejjo la freggna:
Bono er culo, e bbonissimo l'uscello.

Sortanto in questo cqui ttrovo lo smanco,
Che ppoteva, penzànnosce un tantino,
Creacce l'acqua rossa e 'r vino bbianco:

Perché ar meno ggnisun oste assassino
Mo nun vierìa co ttanta faccia ar banco
A vvénnesce mezz'acqua e mmezzo vino.

Roma, 21 dicembre 1832                Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo