Crea sito


593 (592). LE CONFIDENZE DE LE REGAZZE. 8°

Tuta mia cara, come mamma ha vvisto
Ch'io nun davo ppiù ppanni cor rossetto,
M'è vvienuta a gguardà ddrento in ner letto,
M'ha ddetto vacca, e ppoi m'ha ddato un pisto.

Sia tutto pe l'amor de Ggesucristo:
Ha vvorzuto accusì Ddio bbenedetto.
Tutti guadaggni de quer ber giuchetto
Che cc'è vvienuto a ffà vvedé cquer tristo.

Tratanto io sto accusì: vvommito e ttosso;
Sino er pane, ch'è ppane, nu lo tocco,
E ppe la vita nun ciò ssano un osso.

Mamma spaccia ch'è stato lo sscirocco
Che ha ffatto diventamme er corpo grosso;
Ma ppoi me manna a vvilleggià a Ssan Rocco.

Roma, 10 dicembre 1832                     Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo