Crea sito


592 (591). LE CONFIDENZE DE LE REGAZZE. 7°

Àghita mia, e cche vorà ddì adesso
Ch'è ggià er ziconno e mmommó er terzo mese
Che nun vedo ppiù ssegno de marchese?
Àghita, di', che mme sarà ssuccesso?

Oggnuna de l'amiche che cciò intese
Disce: "Vierà sta sittimana appresso":
Ma er pannuccio io però nnun l'ho ppiù mmesso;
E lloro stanno a rride a le mi' spese.

Ch'edè?! ttu ppuro nun t'è ppiù vvienuto?!
Da cuanno, Àghita? di'... Ppropio è un veleno
Duncue er zuggnà dde quer baron futtuto!

Oh cche llusce de ddio! Mo l'ho ccapito
Quer lavore ch'edè: ggnente de meno
Che cquello che ppò ffà mmojje e mmarito!

Roma, 10 dicembre 1832                   Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo