Crea sito


591 (590). LE CONFIDENZE DE LE REGAZZE. 6

"Tuta, si vvi Ffelisce stammatina,
Dijje che all'ora ch'io torno da scla
Guardi quanno che mmamma sta in cantina,
E entri, c'ho da dijje una parola".

"E cche ccosa vi dijje, scivettola?"
"Ci da parl dde scerta tela fina..."
"Ma ppropio propio tela, eh Aghitina?
No de quer coso longo che jje scola?"

"E ssi ffussi accus, cche cc' dde male
De ved si er giuchetto de Felisce
Fascnnolo co un'antra ttal e cquale,

O ssi ttu mme sciai fatto la cornisce?
Eppoi tu ttanto ggi cciai messo er zale,
E nnu lo vi ppi ff"."Chi tte lo disce?".

Roma, 10 dicembre 1832             Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo