Crea sito


589 (588). LE CONFIDENZE DE LE REGAZZE. 4

ghita, senti: jjeri ch'era festa
Torn Ffelisce, er cavajjer zerpente,
Pe ddimme s'io sciavevo puramente
Er gallo com'er zuo c'arza la cresta.

Io je disse de no, ma ffinarmente,
Pe llevajje sti dubbi da la testa,
Ridennome de lui m'arzai la vesta
Pe ff vved cche nun ciavevo ggnente.

"E cc'ed Ttuta? cqui cce tienghi un buscio,"
Me disse lui: "vi un po' in nell'antra stanza
Ch'io co un aco che cci tte l'aricuscio."

Poi me porta de ll ddove se pranza,
Cava er zu' bbschero, e a ffuria de struscio
Me lo ficca pe fforza in de la panza.

Roma, 10 dicembre 1832        Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo