Crea sito


588 (587). LE CONFIDENZE DE LE REGAZZE. 3░

Tuta, io da un pezzo lo sapevo quello
C'all'ommini je sta nne li carzoni,
Pe vvia che ttra li vetri e lo sportello
Li guardavo pisciÓ pe li cantoni.

Oh, cche ppoi se chiamassi o ccazzo, o uscello;
Che cciavessi attaccati sti cojjoni;
E cche sti cazzi s˛ ttanti porconi,
Io nun potevo, Tuta mia, sapello.

Come torna Felisce, dijje, Tuta,
Pe cche rraggione quanno se strufina
Sto cazzo o uscello su le veste, sputa.

Perch'io stanno a gguardalli la matina
PisciÓ ar cantone, nun j'ho mmai viduta
Sta sputarella, ma 'ggnisempre, urina.

Roma, 10 dicembre 1832             Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo