Crea sito


587 (586). LE CONFIDENZE DE LE RAGAZZE. 2°

Àghita, sai? je l'ho ggià ddetto a cquello:
E llui s'è sbottonato li carzoni,
E mm'ha ffatto vedé ccome un budello
Attaccato a ddu' ova de piccioni.

Quer coso disce che sse chiama uscello,
Oppuro cazzo, e ll'antri dua cojjoni.
Io je fesce: "E cch'edè sto ggiucarello?
E sti du' pennolini a cche ssò bboni?"

Mo ssenti, Àghita mia, quello che rresta.
Disce: "Fa ddu' carezze a sto pupazzo."
Io je le fesce, e cquello arzò la testa.

Perantro è un gran ber porco sto sor cazzo,
Perché ppoi, strufinannome la vesta,
Ce sputò ssopra, e mme sce fesce un sguazzo.

Roma, 10 dicembre 1832                       Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo