Crea sito


586 (585). LE CONFIDENZE DE LE REGAZZE.

Àghita, senti: da un par d'anni bboni
L'ommini io ppiù li guardo e mmeno pòzzo
Arrivajje a ccapì cche ssii quer bozzo
Che ttiengheno tramezzo a li carzoni.

Pare, che sso... 'na provatura... er gozzo
Che cciànno, drent'ar petto li capponi...
O cquer coso che ppènne a li craponi...
Oppuro er piommo de la molla ar pozzo...

Ma appena viè er cuggnato de la sposa
A accompaggnà la sora Bbeatrisce,
Propio je vojjo domannà, sta cosa.

Ccusì bbon giuvenotto è cquer Felisce,
Che, vvedennome a mmé ttanta curiosa,
Si cquarche ccosa sc'è, llui me la disce.

Roma, 10 dicembre 1832              Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo