Crea sito


658 (658). LE CARCERE

Usscii cuer giorno che ppapa Leone
Fu incoronato: ma tte do un avviso,
Che mmejjo cosa che de stà in priggione
Sì e nnò ppò ttrovasse in paradiso.

Llì mmaggni pane, vino, carne e rriso,
E ll'oste nun te mette suggizzione:
Trovi in cammera tua tutto prisciso,
Senza pagà nné sserva né ppiggione.

Llì ddrento nun ce piove e nnun ce fiocca,
E nnun c'è nné ggoverno né ccurato
Che tte levino er pane da la bbocca.

Llì nun lavori mai, sei rispettato,
Fai er commido tuo, e nnun te tocca
Er risico d'annà mmai carcerato.

Roma, 24 dicembre 1832            Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo