Crea sito


697 (697). LE CALUGGNE

Chi ddisce mal de tutti, e nnun arriva
A ddistingue ricotta da caviale:
Chi mmette tutt'assieme in un pitale
La ggente bbona e la ggente cattiva;

Pe llevajje er veleno a la saliva
Bbisoggnerìa portallo a 'no spedale
Dov'hanno scritto mó ss'un cardinale
'Na lapida de marmo in pietra viva.

Si ffussi piena de bbuscìe de pianta,
La ggente ggià sse ne sarebbe accorta,
Perché dde sscema nun ce n'è ppoi tanta.

Li cardinali sò ttutti una torta;
E sse ne pò ttrovà ssino a ssettanta
Deggni de lapidalli uno a la vorta.

Roma, 3 gennaio 1833            Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo