Crea sito


1205 (1394). LE BBESTIE DER PARADISO TERRESTRE

Prima d'Adamo, senza dubbio arcuno
Er ceto de le bbestie de ll ffori
Fascveno una vita da siggnori
Senza dipenne un cazzo da ggnisuno

Ggnente cucchieri, ggnente cacciatori,
N mmascelli, n bbtte, n ddiggiuno...
E rriguardo ar parl, pparlava oggnuno
Come parleno adesso li dottori. 

Venuto per Adamo a ff er padrone,
Ecchete l'archibbusci e la mazzola,
Le carrozze e 'r zughillo der bastone.

E cquello stato er primo tempo in cui
L'omo lev a le bbestie la parola
Pe pparl ssolo e av rraggione lui.

19 dicembre 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo