Crea sito


1693 (1692). LA VISITA DE COMPRIMENTO

Se pò? Nnun zaperìa, dico, è ppermesso
De poté ariverì la sora Lilla?
Cosa dirà cche vviengo a ffavorilla
E a ddajje sto disturbo propi'adesso?

Anzi, Bartolomeo sempre me strilla
Che vviengo a incommidalla accusì spesso.
Ma io nun je do udienza; e ar temp'istesso
Me sapeva mill'anni de stordilla.

E er zu' siggnor conzorte che jje scrive?
Uh! è mmorto?! E cche vvò ffà? cce vò ppascenza.
E le pupette sue sò ancora vive?

E llei in che mese sta? Ggià sta in ner quarto?!
Bbadi, c'adesso curre un'infruenza
Che ttuttequante moreno de parto.

2 ottobre 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo