Crea sito


515 (519). LA VIGGIJA DE NATALE

Ustacchio, la viggija de Natale
Tu mmettete de guardia sur portone
De cuarche mmonziggnore o ccardinale,
E vvederai entrÓ sta priscissione.

Mo entra una cassetta de torrone,
Mo entra un barilozzo de caviale,
Mo er porco, mo er pollastro, mo er cappone,
E mmo er fiasco de vino padronale.

Poi entra er gallinaccio, poi l'abbacchio,
L'oliva dorce, er pessce de Fojjano,
L'ojjo, er tonno, e l'inguilla de Comacchio.

Inzomma, inzino a nnotte, a mmano a mmano,
Tu llý tt'accorgerai, padron Ustacchio,
Cuant'Ŕ ddivoto er popolo romano.

Roma, 30 novembre 1832                   Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo