Crea sito

 

888 (886). LA VERITA'

La verità è comm'è lla cacarella,
che cquanno te viè ll'impito e te scappa,
hai tempo, fijjia, de serrà lla chiappa,
e storcete e ttremà ppe rritenella.

E accusì, ssi la bbocca nun z'attappa,
la Santa Verità sbrodolarella
t'esce fora da sé dda le bbudella,
fussi tu ppuro un frate de la Trappa.

Perché ss'ha da stà zziti, o ddì una miffa
Oggni cuarvorta so le cose vere?
No: a ttemp'e lloco d'aggriffa s'aggriffa.

Le bbocche nostre iddio le vò sincere,
e ll'ommini je metteno l'abbiffa?
No: sempre verità; sempre er dovere.

Roma, 11 febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo