Crea sito


409 (408). LA VECCHIAGLIA

Bboccetto mio, ggi cche ttu' mojje morze
E vvi 'na stacca pe ssiconna mojje;
Si la prima da t ppoco ariccorze,
Cuesta che ppijji m ccosa ariccjje?

Tre ccose all'omo vecchio Iddio je vorze
F ccressce, e ttre ccal: ttrist'a cchi ccojje!
In primi e antonia crescheno le vojje
De f er crestoso e ccaleno le forze.

Pe ssiconna ppartita de la lista,
Sor Giammatista mio, c' lo strapazzo
De cressce er naso e de cal la vista:

E pell'urtima bbuggera der mazzo,
(E cquesta fa ppe vvoi, sor Giammatista)
Crescheno li cojjoni e ccala er cazzo.

Roma, 11 febbraio 1832

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo