Crea sito


752 (756). LA SERVA E L'ABBATE

Cuanno te lo dich'io, credelo, cattera!
Le cose che ddich'io sò ttutte vere.
La serva c'annò vvia da Mastro Zzattera
Se fasceva scopà ddar Cancejjere.

Lei lo fasceva entrà ttutte le sere,
E ssi bbussava lui, la sora sguattera
Da bbrava puttanella der mestiere
L'annisconneva drento in de la mattera.

Una sera però cche vvenne er mastro
Co la chiave, trovò stesa Luscia
Cor pittore a ddipìggnela a l'incastro.

Sai che jje disse lui? "Ggentaccia indeggna,
La mi' casa nun è ccancellarìa
Da stipolà strumenti de la freggna."

Roma, 16 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo