Crea sito

 

 333 (331). LA SCIRCONCISIONE DER ZIGNORE

 

Sette ggiorni e un po’ ppiú ddoppo de cuello

che ccor fieno e li scenci inzino ar gozzo

la Madonna tra un bove e un zomarello

partorí er bon Gesú ppeggio d’un mozzo;

 

er padre sputativo poverello

pijjò in braccio er bambino cor zangozzo;

e annorno ar tempio a fajje fà a l’uscello

er tajjo d’un tantin de scinicozzo.

 

Eppoi doppo trent’anni fu pe mmano

de San Giuvanni bbattezzat’ a sguazzo

in cuer tevere granne der giordano.

 

In cuanto a cquesto è vvero ch’er regazzo

venne a la fede e sse fesce cristiano:

ma le ggirelle io nu le stimo un cazzo.

 

12 gennaio 1832  De Pepp’er tosto

 

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli
Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo