Crea sito


712 (711). LA SANTA MESSA

Come! nun zentý mmessa?! Ah ggaleotti!
Nun zapete che Iddio, chi nnun ha intese
Ner monno o ttrenta o ttrentun messe ar mese,
L'imbriaca de llÓ dde scappellotti?

Che ddiscurrete de ggeloni rotti,
Cuanno che ppe ddiograzzia a sto paese
S˛ assai meno le case che le cchiese:
Cuanno le Messe cqui ffanno a ccazzotti?

Ve pare questa mˇ vvita cristiana,
Sori bbrutti fijjacci de mi' mojje,
Pe nnun divve fijjacci de puttana?

La Santa Messa Ŕ uguale che la bbiada;
PerchÚ ddisce er cucchiere, che cce cojje,
Che mmessa e bbiada nun allonga strada.

Roma, 8 gennaio 1833                      Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo