Crea sito


2083 (2050). LA ROBBA TROVATA

Nun zai la novità? Jjerzera, quanno
Te lassai llì a la Pasce all'osteria,
Pijjai dritto, pijjai, pe ccasa mia,
Dove tiengo un strapunto ar mi' commanno.

E mme n'annavo cantanno cantanno
Un'aria der ronnò dde la Luscia,
Quann'ecco a l'immoccà nne la Corzia
Vedde in terra un zocché ddrent'in un panno.

Azzécchesce ch'edèra? Un ber cappone.
E stammatina io me lo sò ppelato,
L'ho arrostito, e cciò ffatto colazzione.

In quant'ar panno poi, ch'era stracciato,
Acciò vvedessi de trovà er padrone
L'ho pportato a la serva der curato.

30 dicembre 1844

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo