Crea sito


1039 (1039). LA PUTTANA PROTETTA

Ma Mmonziggnore, quanno un padre affritto
Chiede ggiustizzia in pubbrico palazzo,
Nun arrivo a ccapì ssi ccon che ddritto
S'abbi da merità ttanto strapazzo.

Viè una scrofa e ccaluggna er mi' regazzo,
E io, povero padre, ho dda stà zzitto
Perché nnun mostro er corpo der dilitto?
Cosa averebbe da mostrajje? er cazzo?

Lei l'ha impestato, eppoi, bbrutta marmotta,
Je s'ha da crede, Iddio la bbenedichi,
Ch'è stato er fijjo mio che jje l'ha rrotta!

Oh, Mmonziggnore, vò cche jje la dichi?
Me maravijjo assai c'a 'na miggnotta
Li prelati je faccino l'amichi.

6 gennaio 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo