Crea sito


66 (64). LA PROVIDENZA

un ber d cc'a sto monno sce v ssorte
Si nun l'hanno antro che bbaron futtuti.
Er cristiano ha da d: "Cche Ddio sciaggliuti
E cce pzzi scamp dda mala morte."

Io te l'ho appredicato tante vorte
C'a st'ora lo direbbeno li muti.
Ma ttu, ppe ggratt er culo a sti saputi,
Sce schiaffi in cammio: "S'Iddio-v-e-la-corte."

S ccazzi: cquaggi ttutto ppremissione
Der Ziggnore sortanto, e nnun ze move
Fojja che Ddio nun vojja, in concrusione.

Abbasta d'av ffede e ddevozzione;
E ppoi fa' ttir vvento e llassa piove.
S'Iddio serra 'na porta, opre un portone.

Terni, 29 settembre 1830         De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo