70 (70). LA PROFERTA

Bella zitella, fu tteta o fu ttuta?
Chi vv'ha mmesso la cavola a la bbotte?
Accapo ar letto mio tutta sta notte
V'ho intesa tritticÓ ssempre a la muta.

Eh, un'antra vorta che vve sii vienuta
La vojja d'ariocÓ cco cquattro bb˛tte,
Ditelo a mmÚ, cche jje dar˛ la muta
Pe ccompitÓ con voi: F, O, T, fotte.

Er mi' cavicchio nun Ŕ ttanto struscio,
Che nun p˘zzi servý (ssarvo disgrazzia)
Pe bbatte sodo e ppe atturavve er buscio.

E cciaverete poi de careggrazzia,
Doppo sentito come sgarro e scuscio,
De vienimme a rrichiede er nerbigrazzia.

Terni, 10 settembre 1830         De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo