Crea sito


992 (990). LA PORTA DERETO

Er Papa tiè una scerta portiscella
Pe ddove verzo sera un par de spie
Je vanno a rrescità le lettanie
E a sputasse pormoni e ccoratella.

Llì jje bbutteno ggiù 'ggni marachella
De teatri, caffè, ccase, ostarie...
E, mmezze verità, mmezze bbuscìe,
Ciànno sempre da dì cquarche storiella.

Ecco da che ne nassce quarche vvorta
Che tte vedi li zzaffi a la sordina:
È ttutto pe vvertù dde quella porta.

E cchi ssò ste du' spie? Vall'a indovina.
Oggni lingua oggidì cche nnun zii morta
Pò èsse un de le dua che tte cuscina.

Terni, 20 ottobre 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo