Crea sito


53 (53). LA PISSCIATA PERICOLOSA

Stavo a ppisscià jjerzera llì a lo scuro
Tra Mmadama Lugrezzia e ttra ssan Marco,
Quann'ecchete, affiarato com'un farco,
Un sguizzero der Papa duro duro.

De posta me fa sbatte er cazzo ar muro,
Poi vò llevamme er fongo: io me l'incarco:
E cco la patta in mano pijjo l'Arco
De li tre Rre, strillanno: "Vienghi puro."

Me sentivo quer froscio dì a le tacche
Cor fiatone: Tartàifel, sor paine,
Pss, nun currete tante, ché sso stracche.

Poi co mmill'antre parole turchine
Ciaggiontava: Viè cqua, ffijje te vacche,
Ché ppeveremo un pon picchier te vine.

Roma, 13 settembre 1830        De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo