Crea sito


59 (59). LA PERACOTTARA

Sto a ff la caccia, caso che mmommone
Passassi pe dde cqua cquela pasciocca,
Che vva strillanno co ttanto de bbocca:
S ccanniti le pera cotte bbone.

Ch la vora schiaff ddrento a 'n portone
E ppo' ingrufalla indove tocca, tocca;
Sibb che mm'abbi ditto Delarocca,
C'ho la pulenta e mm mme vi un tincone.

Lei l'attacc ll'altr'anno a ccinqu'o ssei?
Dunque che cc' dde male si cquest'anno
Se trova puro chi ll'attacca a llei?

Le cose de sto monno accus vvanno.
Chi ccasca casca: si cce sei sce sei.
Alegria! chi sse scortica su' danno.

Roma, 14 settembre 1830        De Pepp' er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo