Crea sito


330 (329). LA NUNZIATA

Ner mentre che la Verginemmaria
Se maggnava un piattino de minestra,
L'Angiolo Grabbiello via via
Vieniva com'un zasso de bbalestra.

Per un vetro sfassciato de finestra
J'entrò in casa er curiero der Messia;
E co 'na rama immano de gginestra
Prima je rescitò 'na vemmaria.

Poi disse a la Madonna: "Sora sposa,
Sete gravida lei senza sapello
Pe ppremission de ddio da pascua-rosa."

Lei allora arispose ar Grabbiello:
"Come pò èsse mai sta simir cosa
S'io nun zo mmanco cosa sia l'uscello?"

12 gennaio 1832                   De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo