Crea sito


560 (561). LA MADRE DE LE SANTE

Chi vv cchiede la monna a Ccaterina,
Pe ffasse intenne da la ggente dotta
Je toccherebbe a dd vvurva, vaccina,
E dd ggi co la cunna e cco la potta.

Ma nnoantri fijjacci de miggnotta
Dimo scella, patacca, passerina,
Fessa, spacco, fissura, bbuscia, grotta,
Freggna, fica, sciavatta, chitarrina,

Sorca, vaschetta, fodero, frittella,
Ciscia, sporta, perucca, varpelosa,
Chiavica, gattarola, finestrella,

Fischiarola, quer-fatto, quela-cosa,
Urinale, fracosscio, ciumachella,
La-gabbia-der-pipino, e la-bbrodosa.

E ssi vvi la scimosa,
Chi la chiama vergogna, e cchi nnatura,
Chi cciufca, tajjola, e ssepportura.

Roma, 6 dicembre 1832

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo