Crea sito


852 (852). LA MADONNA TANTA MIRACOLOSA

Oggi, a fforza de gómmiti e de spinte,
Ho ppotuto accostamme ar butteghino
De la Madonna de Sant'Agustino,
Cuella ch'Iddio je le dà ttutte vinte.

Tra ddu' spajjère de grazzie dipinte
Se ne sta a ssede co Ggesù bbambino,
Co li su' bbravi orloggi ar borzellino,
E ccatene, e sscioccajje, e anelli e ccinte.

De bbrillanti e dde perle, eh ccià l'apparto:
Tiè vvezzi, tiè smanijji, e ttiè ccollana:
E dde diademi sce n'ha er terzo e 'r quarto.

Inzomma, accusì rricca e accusì cciana,
Cuella povera Vergine der Parto
Nun è ppiù una Madonna: è una puttana.

Roma, 2 febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo