Crea sito


1321 (1324). LA GGNOCCHETTA

'Na regazza arrivata a ssediscianni
Senza conossce er perno de l'amore
Fra ttutti li miracoli ppi ggranni
Dllo er miracolone er pi mmaggiore.

Ebb, sta rarit, mmastro Ggiuvanni,
Sto mmostro de natura, sto stupore,
(ssarvo er caso che nnun ziino inganni)
La fijja de Bbaggeo l'accimatore.

Si cc'inganna, una lappa da punilla
Cor mttejelo in corpo; e ss' ssincera
Bbisoggna f de tutto pe istruilla.

Io le so certe cose; io s rromano.
L'inzeggn a l'iggnoranti la maggnera
De fasse aggiudic vvero cristiano.

28 giugno 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi 
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo