Crea sito


275 (274). LA FIN DER MONNO

Come saranno ar monno terminate
Le cose c'ha ccreato Ggesucristo,
Se vederÓ usscý ffora l'Anticristo
Predicanno a le ggente aridunate.

VierÓ ccor una faccia da torzate,
Er corpo da ggigante e ll'occhio tristo:
E pper un caso che nun z'Ŕ mmai visto,
NasscerÓ da una monica e dda un frate.

Poi pe ccombatte co sta bbrutta arpia
TornerÓ da la bb¨scia de San Pavolo
Doppo tanti mil'anni, er Nocchilia.

E appena usscito da l'inferno er diavolo
A spartisse la ggente cor Messia,
ResterÓ er monno pe sseme de cavolo.

25 novembre 1831

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo