Crea sito


636 (641). LA FIJJA SPOSA

Ma ccome! ttanto tempo che tte laggni
Che rrestavi pe sseme de patata,
E mm che stai per sse maritata
Co cquello che vvi tu, ppuro sce piaggni?

Mo cche cquer catapezzo te guadaggni,
Me sce fai la Madonna addolorata!
Tu gguarda a mm: m'ha fatto male tata?
Sti casi ar monno s ttutti compaggni.

Che ppaur'hai der zanto madrimonio?
Nun crede, fijja, a ste lingue maliggne:
Tu llassete serv, llassa f Antonio.

E cquanno sentirai che spiggne spiggne,
Statte ferma, Lusca, perch er demonio
Nun ppoi bbrutto cuanto se dipiggne.

Roma, 21 dicembre 1832          Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo