Crea sito

634 (635). LA DISPENZA DER MADRIMONIO

Cuella stradaccia me la s llograta:
Ma cquanti passi me sce fussi fatto
Nun c'era da otten pe ggnisun patto
De potemme spos cco mmi' cuggnata.

Io sc'ero diventato mezzo matto,
Perch, ddico, ch'ed sta bbaggianata
C'una sorella l'ho d'av assaggiata
E ll'antra n! nnun ll'istesso piatto?

Finarmente una sera l'abbataccio
Me disse: "Fijjo, si cc' stata coppola,
Provelo, e la liscenza te la faccio."

"Benissimo Eccellenza", io j'arisposi:
Poi curzi a ccasa, e, ppe nun d una stroppola,
M'incoppolai Presseda, e ssemo sposi.

Roma, 20 dicembre 1832                      Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo