Crea sito


1271 (1270). LA DIFESA DE ROMA

Co ttutto che a Ssan Pietro sc'è un Papaggno
Che cce tratta da passeri e cce pela,
E dda settantadua torzi de mela
Un antro ne vierìa sempre compaggno,
 

Puro abbasso la testa e nnun me laggno
Quann'essce quarch'editto che tte ggela;
E cqui a Rroma sce sto pperché oggni raggno
È attaccato e vvò bbene a la su' tela.
 

E io nun faccio com'e vvoi, nun faccio,
C'ar più mménomo assarto de gabbella
Ve se sente strillà: "Cche ppaesaccio!"
 

Che ccorpa sce n'ha Rroma poverella
Si un governo affamato allonga er braccio
E vve se viè a vvotà ppila e scudella?
 

27 maggio 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo