Crea sito


1818 (1783). LA CUSCINA DER PAPA

Co la cosa ch'er coco m' ccompare
M'ha vvorzuto fa vvde stammatina
La cuscina santissima. Cuscina?
Che ccuscina! Hai da d pporto de mare.

Pile, marmitte, padelle, callare,
Cossciotti de vitella e de vaccina,
Polli, ova, latte, pessce, erbe, porcina,
Caccia, e 'ggni sorte de vivanne rare.

Dico: "Prsite a llei, sor Padre Santo."
Disce: "Eppoi nun hai visto la dispenza,
Che de ggrazzia de Ddio sce n' antrettanto."

Dico: "Eh, scusate, povero fijjolo!
Ma cci a ppranzo co llui quarch'Eminenza?"
"No," ddisce, "er Papa maggna sempre solo."

25 marzo 1836

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo