I SONETTI DI GIUSEPPE GIOACHINO BELLI

1818 (1783). LA CUSCINA DER PAPA

Co la cosa ch'er coco m' ccompare
M'ha vvorzuto fa vvde stammatina
La cuscina santissima. Cuscina?
Che ccuscina! Hai da d pporto de mare.

Pile, marmitte, padelle, callare,
Cossciotti de vitella e de vaccina,
Polli, ova, latte, pessce, erbe, porcina,
Caccia, e 'ggni sorte de vivanne rare.

Dico: "Prsite a llei, sor Padre Santo."
Disce: "Eppoi nun hai visto la dispenza,
Che de ggrazzia de Ddio sce n' antrettanto."

Dico: "Eh, scusate, povero fijjolo!
Ma cci a ppranzo co llui quarch'Eminenza?"
"No," ddisce, "er Papa maggna sempre solo."

25 marzo 1836

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo