Crea sito


936 (936). LA CURIOSITÀ

La prima notte, per avé una prova
Si la sposetta mia fussi curiosa,
Je disse: "Oh, ffra le cossce io sciò una cosa
Che nnun hai da sapé. Gatta sce cova."

Poi finze de ronfà. Cquanto la sposa,
Sapenno forzi che cchi ccerca trova,
Me venne ar tasto der zalame e ll'ova,
Che ppe le donne sò rrobba golosa.

Figuret'io che nnun perdono mai!
Je sartai sopra; e llì cco lo spadone
In d'un ammèn-gesù lla bbuggiarai.

Dillo tu, Achille mio, ebbe raggione?
Nun vennero accusì ttutti li guai
Ch'Iddio sciarigalò ppe cquer boccone?

Roma, 1° maggio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo