Crea sito


165 (165). LA CREAZZIONE DER MONNO

L'anno che Ggesucristo impastò er monno,
Ché ppe impastallo ggià cc'era la pasta,
Verde lo vorze fà, ggrosso e rritonno,
All'uso d'un cocommero de tasta.

Fesce un zole, una luna, e un mappamonno,
Ma de le stelle poi di' una catasta:
Sù uscelli, bbestie immezzo, e ppessci in fonno:
Piantò le piante, e ddoppo disse "Abbasta."

Me scordavo de dì cche ccreò ll'omo,
E ccoll'omo la donna, Adamo e Eva;
E jje proibbì de nun toccajje un pomo.

Ma appena che a mmaggnà ll'ebbe viduti,
Strillò per dio con cuanta vosce aveva:
"Ommini da vienì, sséte futtuti."

Terni, 4 ottobre 1831                   D'er medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo