Crea sito


1924 (1888). LA CORREZZION DE LI FIJJI

Ti, ccane; ti, ccaroggna; ti, assassino:
Ti, ppijja s, animaccia d'impiccato.
N, ffo d'un porco, nun te lasso inzino
Che cco ste mane mie nun t'ho stroppiato.

E zzitto, zzitto ll, cche ssi' ammazzato:
Quietete, o tte do er resto der carlino.
Ah nnun t'abbasta? A tt, strilla caino
Dunque pe cqueste sin che tt'essce er fiato.

E vvoi cosa sc'entrate, sor cazzaccio?
Je sete padre? Questo ssangue mio,
mmi' fijjo, e sso o quer che mme faccio.

Quanto va cche l'acchiappo pe le zzampe
E vve lo sbatto in faccia? Oh a vvoi, per dio!,
Avemo messo er correttor de stampe!

11 marzo 1837

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo