2238 (2204). LA CONGREGAZZIONE

Presidente, archidetto, segretario,
Snnico, computista, fabbriscere,
Esattore, ecolonimo, cassiere,
Tutti abboccheno a ccressceme er zalario.

"Io te sostengo, io nun te s ccontrario,
Io te do er voto, io sciaver piascere,
de dritto, de ggiusto, de dovere.
Io lo trovo addescente, io nescessario..."

Ma, cquanno ste bbravissime perzone
Le vado a rrisent ddoppo er congresso,
"Eh, vv' ccontraria la congregazzione."

E oggnuno intanto torna a dd ll'istesso:
" de dritto, de ggiusto, de raggione;
Ma... mma er conzijjo nun v dd er permesso."

28 gennaio 1847

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo