Crea sito


1832 (1797) LA CARITÀ DDOMENICANA

M'è stato detto da perzone pratiche
Che nun zempre li frati a Ssant'Uffizzio
Tutte le ggente aretiche e ssismastiche
Le sàrveno coll'urtimo supprizzio.

Ma, ssiconno li casi e le bbrammatiche
Pijjeno per esempio o Ccaglio o Ttizzio,
E li snèrbeno a ssangue in zu le natiche
Pe cconvertilli e mmetteje ggiudizzio.

Lì a sséde intanto er gran inquisitore,
Che li fa sfraggellà ppe llòro bbene,
Bbeve ir zuo mischio e ddà llode ar Ziggnore.

"Forte, fratelli," strilla all'aguzzini:
"Libberàmo sti fijji da le pene
De l'inferno;" e cqui intiggne li grostini.

30 marzo 1836

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo