Crea sito


1254 (1253). LA BBONA NOVA

Dunque nun c' ppi inferno! alegramente.
Ecco er tempo oramai de fasse ricchi.
Dunque er dell un inzoggno de la ggente,
E nnun resta ch'er boja che cc'impicchi.

Sgabbellato l'inferno, ar rimanente
Se saper ttrov chi jje la ficchi.
Li ggiudisci nun z Ddio nipotente,
E cqui abbasta a spart bbene li spicchi.

La lgge, vvero, una gran bestia porca;
Ma l'inferno era peggio de la lgge,
E ffasceva ggel ppi dde la forca.

L'onor der monno? e cche ccs' st'onore?
Foco de pajja, vento de scorregge.
Er tutto nnun trem cquanno se more.

29 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo