Crea sito


1426 (1424). LA BBOCCA DE MMSCIA

Come sarebbe a dd cquer muso bbrutto?
Ch' stato? nun je va la semmolella?
Sa cche nnova je do? Chi nun v cquella
Nun c' antro, e sse maggna er pan assciutto.

Cqua nun zerve de f bbocca a ssciarpella:
Prima la semmolella, e ppo' er presciutto.
L'omo de garbo ha da piascejje tutto,
Fussi puro er ripien de le bbudella.

inutile co mm dd'arz la vosce.
Maggnate, e zzitto; e aringrazziate Iddio
Co la fronte pe tterra e a bbraccia in crosce.

Ciamancherebbe m st'antra scoletta
De nun vol mminestra. Eh, ffijjo mio,
Voi ve puzza la grasscia: eccola detta.

15 gennaio 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo