Crea sito


531 (536). LA BBOCCA-DE-LA-VERITÀ

In d'una cchiesa sopra a 'na piazzetta
Un po' ppiù ssù dde Piazza Montanara
Pe la strada che pporta a la Salara,
C'è in nell'entrà una cosa bbenedetta.

Pe ttutta Roma cuant'è llarga e stretta
Nun poterai trovà ccosa ppiù rrara.
È una faccia de pietra che tt'impara
Chi ha ddetta la bbuscìa, chi nnu l'ha ddetta.

S'io mo a sta faccia, c'ha la bbocca uperta,
Je sce metto una mano, e nu la striggne,
La verità dda mé ttiella pe ccerta.

Ma ssi fficca la mano uno in buscìa,
Èssi sicuro che a ttirà nné a spiggne
Cuella mano che llì nnun viè ppiù vvia.

Roma, 2 dicembre 1832         Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo