Crea sito


1386 (1385). LA BBELLEZZA DE LE BBELLEZZE

Ce ponn'sse in ner monno donne bbelle,
Ma un pezzetto de carne apprilibbato
Come la serva nva der curato
Nun ze trova, per dio, drent'a le stelle.

Nun te dico er colore de la pelle
Pi ttosta assai d'un tamburro accordato:
Nun te parlo de chiappe e dde senato
Che tt'appicceno er foco a le bbudelle.

Quer naso solo, quela bbocca sola,
Queli du' occhi, s rrobba, Ggiuvanni,
Da ftte rest ll ssenza parola.

Si ttanta bella a vvdela vistita,
Cristo, cosa sar sott'a li panni!
Bbeato er prete che sse l' ammannita!

11 dicembre 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo