Crea sito

 

213 (213). LA BBELLA GGIUDITTA

 

Disce l’Abbibbia Sagra che Ggiuditta

doppo d’avé ccenato co Llionferne,

smorzate tutte quante le luscerne

ciannò a mmette er zordato a la galitta:

 

che appena j’ebbe chiuse le lenterne

tra er beve e lo schiumà dde la marmitta,

cor un corpo  da fia  de Mastro Titta

lo mannò a ffotte in ne le fiche eterne:

 

e cche, agguattata la capoccia, aggnede

pe ffà la mostra ar popolo ggiudio

sino a Bbettujja co la serva a ppiede.

 

Ecchete come, Pavoluccio mio,

se pò scannà la ggente pe la fede,

e ffà la vacca pe ddà ggrolia a Ddio.

 

Roma, 14 ottobre 1831

D’er medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo