Crea sito


1542 (1541). L'USCELLETTI DE RAZZA

Doppo ch'er gatto tuo diede la fuga
Ar mi' cardello, la madre Vicaria
M'arigal˛ un canario e una canaria
Ggialli come du' scicci de lattuga.

Quanti s˛ ccari! Lei sciangotta, ruga,
Spizzica, er becco ar maschio, e cce se svaria;
E questo canta, quanno sente l'aria,
Come er fischietto a acqua che sse suga.

Mˇ la femmina ar nido ha ffatto l'ova,
E cquanno va a mmaggnÓ la canipuccia
Presto vola er marito e jje le cova.

Si ttu vvedi la femmina, coll'ale,
Mezz'aperte covanno in quela cuccia,
Pare un Papa in zedione cor piviale.

30 aprile 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo