Crea sito


269 (269). L'ORDEGNO SPREGATO

Pare un destino ch'er pi mmejjo attrezzo
Che ffesce Ggesucristo ar padr'Adamo,
Ciavessi da cost, ssi ll'addopramo,
Da strillacce Caino per un pezzo!

Questa nun ce la d ssi nnun sposamo,
Quella v er priffe e nnun je rppe er prezzo,
L'antra t'impesta e tte fa vverd'e mmezzo:
E er curato sta ll ssempre cor lamo.

Bbenedetta la sorte de li cani,
Che sse ponno pijj cquer po' de svario
Senz'agliuto de bborza e dde ruffiani.

E pponno fotte in d'un confessionario,
Ch nu l'aspetta com'a nnoi cristiani
Sta freggna de l'inferno e dder Vicario.

Roma, 24 novembre 1831        Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo